Refactoring in LabVIEW.

Il refactoring in LabVIEW è un processo di ristrutturazione di codice, funzionante correttamente, con lo scopo di renderlo leggibile, manutenibile ed espandibile.

Il refactoring in LabVIEW è un processo di ristrutturazione di codice, funzionante correttamente, con lo scopo di renderlo leggibile, manutenibile ed espandibile.

Viene anche definito come un processo di pulizia, non ha come obiettivo l’ottimizzazione del codice e non è specifico per labVIEW.

Any fool can write code that a computer can understand. Good programmers write code that humans can understand.

Martin Flower – Refactoring: Improving the design of existing code

Refactoring o Rebuilding

Il refactoring è necessario quando:

  • Si devono inserire caratteristiche o funzioni
  • Implementazione/sostituzione di hardware
  • Si sta facendo debug sui VI’s
  • Codice con valore intellettuale da non cestinare.
  • Raggruppare il codice riusabile in librerie.

La prima cosa che viene in mente quando si deve lavorare sul codice esistente, è quello di rifarlo da capo.

Rifare o Ristrutturare, la scelta dipende dalla complessità, dal valore, dal rischio e da altre condizioni.

Bisogna anche tenere conto che il processo di refactoring può introdurre nuovi bachi.

Non è escluso che l’attività di Refactoring possa essere costosa.

Alcune regole di valutazione potrebbero essere:

  • Quanto è illeggibile e complesso il software
  • Si può accedere a chi lo ha fatto per recuperare informazioni?
  • Esiste Documentazione o persone in grado di dare spiegazioni sulle funzionalità e specifiche?
  • Budget disponibile
  • Hardware obsoleto che richiederebbe un ulteriore refactoring a breve

Preparazione

  • Fare una copia di backup del codice esistente, possibilmente in un repository di versionamento (es. GIT)
  • Studiare il codice e comprenderlo al meglio.
  • Creare un piano di test e di azione
  • Riordinare il più possibile il codice da un punto di vista estetico e di ordine, aggiungendo descrizioni e quanto necessario per poterlo interpretare al meglio.
  • Rinominare Controlli, indicatori, costanti e collegamenti, con nomi logici e comprensibili e corti.
  • Fare modifiche leggere completarle e verificarle sempre.
  • Verificare la possibilità di raggruppare in cluster type def dati logicamente coerenti tra loro.
  • Provare a incapsulare parti del codice in subVI.
  • Ridurre quanto possibile, Sequenze e local variable.

VI Analyzer

Il VI Analyzer può essere lanciato per verificare il codice con vari tipi di test.

Vi Analyzer

Bookmark

I bookmark possono essere utilizzati per facilitare l’esplorazione dei task da eseguire e come piano di azione.

Per creare un bookmark basta segnarlo con un hashtag davanti al nome es. #ToDo Qui devo sostituire la variabile locale.

LabVIEW bookmark
Esempio Bookmark

Approfondimenti

Refactoring Martin Fower

Potrebbe interessarti anche

Refactoring in LabVIEW.

Il refactoring in LabVIEW è un processo di ristrutturazione di codice, funzionante correttamente, con lo scopo di renderlo leggibile, manutenibile ed espandibile.

Malleable VI

I VIM o VI malleable, sono Vi polimorfi sul dato. Sono da tenere in considerazione nella creazione delle proprie API.

Variabili Locali e Globali

Local e Global Variable sono utili, facili da implementare, ma attenzione a non abusarne. In questo articolo cerchiamo di vederne l'utilizzo migliore, almeno dal nostro punto di vista.

Manutenzione predittiva: significato e obiettivi

Cosa significa svolgere manutenzione predittiva? Effettuare interventi mirati sui macchinari, per prevenire i guasti con largo anticipo.

WATS e OEE

WATS ha migliorato una delle sue features più importanti: l’OEE. Il focus sulla produttività è una sfida costante per le imprese, non di meno in un settore competitivo come quello della manifattura elettronica.

La manutenzione predittiva

Manutenzione predittiva per intervenire sul macchinario prima che si guasti. Fermi di produzione evitati, riduzione costi e pianificazione interventi.